Easyduino e altre idee

È da un po’ che mi frulla per la testa l’idea di sperimentare con Arduino.

Arduino è una scheda programmabile (basata sui chip della famiglia Atmega) utile per creare diversi progetti.

Partono dai giochini con i led alla gestione degli accessi basata su RFID o sulla rete.

E allora cos’è l’Easyduino di cui ho parlato nel titolo? È un clone di Arduino.

Poiché Arduino è rilasciato sotto licenza Creative Commons 3.0 BY SA e i suoi schemi sono liberi, è possibile farne dei cloni purché rispettino la licenza.

Allora io ho deciso di crearmi questo clone perché mi diverto di più e mi costa penso la metà: 22€ (IVA Esclusa) non sono tantissimi poi so crearmi le PCB (circuiti stampati) e i componenti del clone non penso costino più di 10€.

L’unica cosa è che Easyduino non prevede l’USB bensì la seriale, però non cambia molto, considerato che nel mio computer ce l’ho ancora e il supporto USB era una simulazione della seriale.

Ad essere sinceri solo nell’ultima versione (Arduino UNO) l’USB può svolgere anche altri compiti dato che il chip che la gestisce è stato cambiato ma occorre riprogrammarlo e non penso che a me servirà tale funzione, soprattutto all’inizio.

Progetti in testa ne ho molti: come sperimentazione iniziale anche la ricezione degli IR da parte dei telecomandi, tanto per.

Però sto seriamente pensando di costruirmi un rack per i miei effetti che possa anche gestire dei preset, magari addirittura il footswitch dell’amplificatore.

Comunque se farò qualcosa ne parlerò più avanti, per il momento sono impegnato con il mio mini mixer che non ho più finito (in realtà non l’ho neanche cominciato 😁 ).

Domani penso inciderò un po’ di PCB: preamplificatori per i microfoni, l’EQ, il mixer in sé e per sé e anche il Ruby/Noisy Cricket.